Indagine su Gesù

Intervista con Antonio Socci sul suo nuovo libro “Indagine su Gesù”

Acquista online

Da Marx a Kafka fino ad esponenti di altre religioni. Il fascino di Gesù è stato sentito a tutte le latitudini del mondo e da persone anche “lontane”. Lo racconta il nuovo libro del giornalista e scrittore Antonio Socci “Indagine su Gesù”. Un testo che indaga anche sulle profezie del Vecchio Testamento, sulla straordinarietà della Sindone e dei miracoli. Un libro, dunque, ricco di spunti. Ma sentiamo lo stesso Socci intervistato da Debora Donnini:

R. – Il fascino per la persona di Gesù è assolutamente universale. Penso alle pagine che ho pubblicato di Nietzsche, di Renan, del giovane Marx, oppure di Gaetano Salvemini.

D. – Lei prende in esame anche le profezie dell’Antico Testamento, in particolare quelle di Isaia…

R. – Mi ha impressionato questo fenomeno colossale di testi sacri del popolo ebraico, in cui alcuni passi venivano ritenuti dai maestri del popolo ebraico prima di Gesù passi ispirati, profetici, riferiti ad una figura, inviato di Dio, che è stato promesso da Dio agli uomini per la loro salvezza. Com’è possibile che in questi testi siano contenuti circa 300 profezie, certamente di vario tipo, di vario spessore, che trovano compimento tutte nella vicenda di quell’uomo che è Gesù?


D. – Viene messa poi in rilievo l’eccezionalità della Sindone…

R. – Per chi pensasse che la parola finale sulla vicenda della Sindone sia stata messa nell’’88, con la datazione al radio-carbonio, in realtà, c’è tutta una serie di acquisizioni scientifiche che hanno indotto anche recentemente il direttore del laboratorio di Oxford a dire che dobbiamo riconsiderare tutta la faccenda. Di fatto la Sindone, a prescindere dalla questione datazione, ci dà un’informazione: quel lenzuolo ha contenuto il corpo di un uomo morto con il supplizio romano della crocifissione, con le stesse particolarità, praticamente uniche, che sono raccontate a proposito della passione di Gesù, ma soprattutto che quel corpo non è stato dentro quel lenzuolo per più di 40 ore e che infine, in base alle macchie ematiche, si è appurato che quel corpo si è sottratto alla legatura del lenzuolo senza alcun movimento, come passando attraverso il lenzuolo. Quindi, acquisendo delle qualità non naturali. In base ad esperimenti recenti fatti a Frascati dai fisici dell’Enea, si è appurato che lo stesso tipo di traccia lascia una fortissima improvvisa e momentanea esplosione di luce.

D. – Anche i miracoli trovano uno spazio nel suo libro. Perché?

R. – Il segno che Gesù è veramente vivo fra noi è il fatto che opera. La sua opera fondamentale è che cambia i cuori. Ma sono innumerevoli i segni dove lui manifesta la sua signoria sulla natura e sulla storia. Com’è noto la Chiesa riconosce miracoli di fronte ai quali la scienza per prima si è inchinata, eventi assolutamente inspiegabili. Certo per toccare con mano occorre quella realtà che fu di Alexis Carrel, come è noto, medico francese, che ha preso il premio Nobel per le medicina, non credente, che volle approfondire quello che accadeva a Lourdes. Andò di persona a Lourdes, con tutti i suoi scetticismi. Il caso che lui seguiva era quello di una ragazza che aveva una massa tumorale sul ventre, terribile, e lui assistette davanti alla grotta a questa guarigione istantanea e immediata di una ragazza che lui come medico aveva valutato assolutamente più morta che viva. E Carrel poi si è convertito. Ovviamente non è che bastino i miracoli per convertirsi, perché la conversione comunque è una grazia. I miracoli interrogano la ragione: è la nostra ragione e la nostra libertà la chiave di tutto.

PRESENTAZIONE LIBRO DA IBS.IT

Chi è Gesù? Perché nessuno, dopo duemila anni, si sottrae al suo fascino? Anche i “lontani” non sanno nascondere lo stupore, l’ammirazione e l’incanto per quest’uomo misterioso, potente e buono, unico al mondo, “il più bello fra i figli degli uomini”: da Marx a Renan, da Rousseau a Nietzsche, da Borges a Kafka, da Camus a Salvemini, da Kerouac a Pasolini, da un “persecutore” come Napoleone a una personalità come Gandhi, fino al libro dell’Islam, il Corano. Come e perché in soli tre anni di vita pubblica egli ha potuto capovolgere la storia umana? Lo affermano anche pensatori laici come Benedetto Croce: “il Cristianesimo è stato la più grande rivoluzione che l’umanità abbia mai compiuto”. Ha portato nel mondo la libertà, la dignità di ogni persona (a partire dai più derelitti), le nozioni di diritti dell’uomo e di progresso, un oceano di carità. Ha spazzato via la schiavitù, ha salvato la cultura antica, ha dato nobiltà al lavoro ricostruendo un’Europa devastata, inventando la tecnologia, le università, la scienza, gli ospedali, l’economia, l’arte, la musica. Il libro di Antonio Socci ricostruisce questa straordinaria rivoluzione e indaga sul mistero di Gesù, preceduto da duemila anni di attesa e seguito da altrettanti di amore. Circa trecento profezie messianiche, nelle Sacre Scritture, con secoli di anticipo hanno tracciato il suo perfetto identikit: data e luogo di nascita e di morte, le sue opere, addirittura il supplizio della crocifissione.

Acquista online



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...