Il miracolo quotidiano. Lourdes vista dai malati

Nessuna descrizione potrà mai spiegare veramente ciò che accade ogni giorno a Lourdes. I racconti proposti dall’autrice, malata tra i malati, testimoniano come, al contrario del resto del mondo, la grotta di Massabielle offra al pellegrino una realtà nuova: quella dell’abbattimento della differenza tra sani e malati, tra forti e deboli. Davanti alla grotta esistono solo degli uomini riuniti alla presenza della Madre, figli dello stesso Dio.

Questo trasforma Lourdes in un angolo di paradiso, dove il miracolo non equivale necessariamente alla guarigione fisica, ma molto spesso prende il nome di conversione, cambiamento radicale di vita spirituale, accettazione delle proprie sofferenze.

«Il libro offre un prezioso contributo per riscoprire il valore della vita, in particolare il valore della malattia e della sofferenza che, in un contesto culturale come quello attuale, sono spesso considerate un non senso e prive di significato. […] Esprimo l’augurio che quanti lo leggeranno possano comprendere sempre meglio che la vita dell’uomo non è frutto del caso, ma è radicata nel mistero dell’amore di Dio» (dalla Presentazione del card. Ruini).

Rita Coruzzi (1986) è nata e vive a Reggio Emilia. È iscritta alla Facoltà di lettere e filosofia dell’Università di Parma. Dall’età di 10 anni è sulla sedia a rotelle, con la quale ha imparato a vivere in perfetta sintonia. Ha pubblicato l’autobiografia Camminare o vivere? (2005) e i romanzi brevi I giorni delle stelle cadenti (2005), Una bussola per due cuori (2007) e Ricordando Angela (2007).

Acquista questo libro su ibs.it



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...