L’inno alla vita di Rosanna

Colpita da sclerosi amiotrofica, Rosy ringrazia quanti le sono accanto

VALLE DEL SAVIO – Quale augurio di felicità per l’imminente anno nuovo, quale augurio per questo periodo di feste può essere più “forte”, più ricco di fiducia e di speranza di quello di Rosanna Facciani?

“La vita è bella! La vita bisogna viverla fino in fondo, sono contro l’eutanasia” ha scritto Rosanna, attraverso il suo computer-comunicatore, per il giornalino parrocchiale.

“Sono felice di vivere ed aver visto mio figlio sposato: un giorno indimenticabile, sono andata in chiesa con grande gioia. Gigi e Toni hanno suonato per me al matrimonio, ed è stata un’emozione bellissima!”.

Rosanna Facciani ha 61 anni e dal 1990 è ammalata di sclerosi laterale amiotrofica (Sla).

“La malattia ha progressivamente immobilizzato il suo corpo – dice il parroco don Rudi Tonelli presentando lo scritto di Rosanna – ma il suo cuore è dinamico, ricco di fede e di speranza”.

Rosanna scrive della malattia, di come vive, delle persone che le stanno accanto, della fede, dei viaggi a Medjugorie, del viaggio a Lourdes, della bellezza della vita, della speranza che “Eluana resti dalle suorine che con amore l’accudiscono”.

“La sclerosi laterale amiotrofica – scrive Rosanna – è una malattia terribile: porta via tutto, anche la dignità. Ti lascia solo il cervello per ragionare. Sono paralizzata dalla testa ai piedi, respiro grazie ad un respiratore artificiale, mangio grazie ad un tubino inserito sullo stomaco, comunico con un computer che segue il movimento degli occhi… e la cosa che mi rattrista di più è che non posso aprire la bocca per fare la comunione. La malattia mi ha fatto conoscere persone buone che io chiamo angeli in terra: c’è Carla che mi fa i sughi e altre cose, la Diva mi fa le minestre e viene a casa ad aiutare, ci sono Caterina e Luciana che vengono a lavarmi i capelli, ogni tanto la moglie del vetraio mi porta tortellini, cappelletti… e tanti altri amici che ringrazio dell’aiuto che danno alla mia famiglia. Ringrazio sempre Gesù per avermi donato una famiglia che non mi ha mai abbandonata”.

E nonostante il suo essere completamente paralizzata Rosanna ha il “coraggio” di scrivere che le sue giornate sono “piene e serene”.

“Solo grazie alla sofferenza – scrive (dice) Rosanna – si riesce a comprendere il dono della vita, e ringrazio tutti i giorni Gesù per i giorni di vita che mi regala”.

E cosa fa Rosanna, paralizzata, tutti i giorni? “Guardo la televisione ascolto la musica, do ordini per la casa, prego molto, navigo in internet e comunico con il mio fedele computer. Il venerdì è un giorno speciale ed anche il più bello: vengono a casa i miei amici a dire il rosario, e questo per me è molto importante perché da sola non riesco a dirlo”.

E poi Rosanna ricorda le crisi, la famiglia, il marito, che l’ha assistita “con amore fino alla sua morte”, i “tubicini” ed i “palloncini” che ogni tanto si rompono (“ma sempre quando c’è mio figlio in casa, e che sa come sostituirla ..”), la fede nella Madonna, gli incontri coi veggenti di Medjugorie, il viaggio a Lourdes con la visita al paese ed alla casa di Bernadette.

Buon anno a te, Rosanna, e a chi ti sta vicino, e grazie!

Am



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...