Alemanno a Lourdes, un viaggio oltre la fede

di Claudio Barnini
«Pellegrino tra i pellegrini» a Lourdes. Così il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha voluto significare la propria presenza da oggi al 4 settembre nella cittadina pirenaica. E con lui, insieme alla Diocesi di Roma, in un viaggio organizzato all’Opera Romana Pellegrinaggi, sono infatti attesi oltre duemila romani. «Sarò a Lourdes con la Diocesi di Roma – ha detto – proprio per testimoniare la continua vicinanza tra il Comune, l’istituzione civile, e l’esperienza religiosa».
E mai viaggio cade più a proposito di oggi. In un momento di tensioni tra il Governo e il Vaticano (dagli attacchi della Lega al Concordato, alle ultime questioni sul caso-Boffo) questa visita in uno dei luoghi-culto della fede cattolica e cristiana assume un sapore diverso. E importante. Alemanno del resto ha sempre dimostrato grande simpatie per il mondo cattolico, ecclesiastico e non, ha un ottimo rapporto con il segretario di Stato Tarcisio Bertone ed ultimamente ha avuto modo di apprezzare e approfondire la conoscenza di Papa Benedetto XVI nel corso della visita ufficiale del Pontefice in Campidoglio il 9 marzo scorso. Alemanno quindi può essere l’uomo giusto per rinsaldare rapporti e questo viaggio a Lourdes, tra fede e diplomazia, può sicuramente rappresentare un rafforzamento dell’amicizia tra Roma e la Santa Sede.
«Pellegrino tra i pellegrini», insomma, insieme alla moglie Isabella Rauti e a centinaia di dipendenti capitolini nel segno del tema pastorale di quest’anno dedicato al «cammino di Bernadette», vent’anni dalle apparizioni della Madonna alla sua morte. Ma non mancheranno gli impegni ufficiali: oggi, prima della messa e della veglis serale, parlerà ai pellegrini romani; domani incontrerà il vescovo di Lourdes, mentre giovedì 3 incontrerà l’Unitalsi, l’organizzazione che trasporta i malati a Lourdes e in altri santuari. «Sarà un pellegrinaggio importante per il sindaco – ha detto Antonio Diella, presidente nazionale Unitalsi – soprattutto perché è il primo cittadino della nostra capitale che nelle sue radici cristiane trova il senso della sua identità più profonda e della sua vocazione alla attenzione a chi soffre».


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...